Questo sito utilizza cookie necessari al funzionamento ed utili a migliorare la navigazione.

phone2mail

Eventi

Eventi

Uno degli eventi di maggior rilievo è la Fiera di San Giuseppe, con la tradizionale Sagra della Seppia, che da martedì 13 marzo a domenica 18 marzo 2018 segnerà l'inizio della stagione turistica, con l'avvento della primavera. L'appuntamento primaverile propone diverse iniziative culturali, spettacolari (come la focarina e lo spettacolo di fuochi d'artificio) e gastronomiche.
Altro evento da rimarcare, per fascino e portata internazionale, è il Festival degli Aquiloni ARTEVENTO che dal 20 aprile all'1 maggio 2018 si svolgerà sulla spiaggia di Pinarella.
Sapore di sale dal 6 settembre, 22^ edizione. Giornate tutte dedicate all’oro bianco fra meeting, incontri culturali, mostre, mercati e spettacoli. Si rinnova l’antica tradizione della rimessa del sale, trasporto che avviene oggi come allora, su una “burchiella” trainata lungo gli argini del canale, dalle saline fino ai magazzini.

Il turismo

Le caratteristiche principali della località sono un'ampia fascia di arenile, caratterizzata da sabbia finissima, la fascia pinetale litoranea e lo sviluppo costante delle attività ricettive come stabilimenti balneari, campeggi, alberghi e appartamenti per le vacanze estive. Per quanto riguarda lo sport, a Pinarella sono disponibili anche una piscina olimpionica, un palazzetto dello sport, una pista di atletica, un bocciodromo e un tennis club.

http://www.sagradellaseppia.it/

https://www.festivalinternazionaleaquilone.com/

https://www.wikiwand.com/it/Pinarella

http://www.turismo.comunecervia.it/it

http://www.appartamentibonoli.it

camping5

Pinarella di Cervia

Pinarella è una frazione del comune di Cervia che si affaccia sul Mare Adriatico e si trova a 3 km da Cesenatico e a 3 km dal centro città. Caratteristica peculiare è la pineta di 25 ettari, Riserva Naturale per decreto ministeriale del 1977, che si sviluppa lungo la spiaggia e l'abitato, con essenze arboree prevalenti quali il pino marittimo (Pinus pinaster) e il pino domestico (Pinus pinea).

Il nome Pinarella risale alla metà del Settecento e deriva da “piccola pineta”. Nella parte sud della città di Cervia, infatti, si estendevano arenili di recente formazione e in una zona disabitata vennero piantati pini ed altre essenze arboree. La vegetazione andò estendendosi fino alla zona dell'attuale località di Tagliata.
Durante l'Ottocento però, sia per gli eventi atmosferici che per il bisogno di legna durante le rigide stagioni invernali, la pineta venne devastata. Inoltre, nel 1825 il Comune di Cervia ebbe l'esigenza di incentivare le produzioni agricole, segnando la fine della piccola realtà pinetale. L'abbattimento della pineta venne motivato anche dall'esigenza di far fronte alla semidistruzione delle banchine del porto canale a seguito di violente burrasche, utilizzando gli alberi per la ricostruzione del molo e per ricavare risorse destinate a nuove opere pubbliche.
La pineta verrà messa a dimora di nuovo nel Novecento, in una zona diversa dalla precedente, ma continuerà a costituire il polmone verde fondamentale per lo sviluppo del turismo della città.

Se nel corso dell'Ottocento la realtà di Pinarella era costituita da case sparse, in uno scenario prevalentemente agricolo, durante il Novecento si verificò uno sviluppo progressivo che porterà la località alla grande trasformazione turistica nel secondo Dopoguerra. La popolazione crebbe sensibilmente, fino a raggiungere gli attuali 4800 abitanti. Un incremento che marciò di pari passo con lo sviluppo turistico e urbano: nello stesso periodo vennero costruite numerose colonie, alberghi e pensioni, case di vacanza, stabilimenti balneari, campeggi, attività commerciali e pubblici esercizi, che costituiscono ancora oggi una componente importante dell'offerta vacanziera del posto. Inoltre fu significativa anche la crescita del nuovo centro commerciale, meta ideale per lo shopping e le attività di pubblici esercizi e imprese artigianali.

Oggi Pinarella presenta un'offerta di circa settanta alberghi, tre campeggi aperti in estate, numerose colonie (qualcuna ha mantenuto la vocazione classica di casa vacanza per gruppi di bambini e ragazzi, altre sono divenute centri sportivi ricreativi o case per ferie destinate ad anziani o disabili) e appartamenti turistici.
Va sottolineato che il turismo in questa zona non è solo balneare, ma anche ecologico (grazie alla presenza della pineta e delle saline), sportivo ed enogastronomico.

© 2018 AlterX - All Rights Reserved